Menu Chiudi

Come è andato il 2020? Un anno incredibile e controcorrente per il mio Gruppo.

Quando si conclude un anno, è sempre tempo di bilanci e, per chi fa il mio mestiere, è quasi un dovere farlo.

Ripercorrere gli ultimi 12 mesi, analizzare eventuali errori, successi e l’andamento di nuovi progetti.

Ma se l’anno in questione si chiama 2020, come la mettiamo?

Vi dico subito che, per me e il mio Gruppo, è stato un anno sorprendente e straordinario sul piano della crescita, dello sviluppo, delle novità e degli investimenti.

In questo momento così difficile e surreale, dove le cose negative non si contano, la mia esperienza va controcorrente.

Voglio condividerla proprio per questo. Per lanciare un segnale di ottimismo, di spinta e di energia verso il futuro.

Di quello di cui ci ha privato il 2020 e dei danni incalcolabili che ha procurato se ne parla ogni giorno e se ne continuerà a dibattere chissà per quanto ancora.

Ma dobbiamo fare spazio anche a storie di traguardi raggiunti e di nuovi obiettivi su cui lavorare.

Non esagero nel dirvi che considero il 2020 l’anno in assoluto, sul piano professionale, in cui ho vissuto e assistito al maggior fermento imprenditoriale, di nascita e crescita delle mie aziende.

Mi sono guardato indietro per capire come sia stato possibile. Mi sono reso conto di quanto il lavoro instancabile degli ultimi anni, insieme a tutte le persone e le aziende che lavorano con me, abbia trovato la sua massima espressione in questi mesi appena trascorsi.

La pandemia e la rivoluzione digitale

La pandemia ha portando una svolta epocale. Nella storia recente nulla è stato così potente e straordinario da cambiare per sempre il volto del pianeta, rendendolo Digital all’ennesima potenza.

Se ne sono accorti tutti: utenti, investitori, clienti, cittadini.

Anche per questa ragione Digital District ha portato a casa risultati importanti su tutti i fronti.

Ci siamo trovati ad andare in una direzione di crescita e di svolta per tante nostre realtà che si preparavano ad un salto e che di colpo lo hanno vissuto.

3 ambiti in cui abbiamo raccolto risultati e raggiunto traguardi

Finanza e Nuove risorse economiche

Tra le cose migliori che ci sono capitate in questo 2020 c’è senza dubbio la fiducia ricevuta dagli investitori. Sia pubblici che privati. Dalla scorsa primavera ad oggi abbiamo raccolto oltre 1 milione e 300 mila euro di finanziamenti.

Investimenti importanti che ci stanno consentendo di ragionare sullo sviluppo e la crescita delle nostre start up. Ma che ci hanno dato anche prova del fatto che stiamo portando avanti un buon lavoro, che stiamo sviluppando idee di business che guardano al futuro e alla crescita del Paese.

CDP Venture Capital Sgr e il nostro acceleratore industriale Elteide hanno creduto nelle nostre imprese Keelt, IEM e Mazer. Tutte aziende campane presenti all’interno del nostro Hub a Marcianise.

Una bella rivincita anche per il Sud che è la nostra casa e dove vogliamo essere sempre più presenti, nonostante negli ultimi anni ci siamo espansi su tutto il territorio nazionale.

Nascita di nuove aziende

Solo in questo ultimo anno abbiamo costituito 4 nuove start up.

La prima è Nextus, quella che ha sbalordito tutti e ci ha regalato solo soddisfazioni. E’ un e-commerce di programmi di fotoritocco destinati soprattutto a chi lavora con le immagini. Un progetto che si appresta già a cambiare modello di business e a crescere velocemente.

C’è poi Aessenza Italiana, un’azienda che commercializza prodotti cosmetici per il settore farmaceutico e che abbiamo fondato con un esperto del Settore e con la collaborazione di uno spin off dell’università di Cosenza.

Sempre nel settore farmaceutico è nata Farmacontact, una start up che punta alla digitalizzazione di questo comparto mediante il lancio di un App dedicata a tutti i cittadini italiani.

Infine Azul, un’app dedicata al settore alberghiero di fascia alta: una sorta di concierge virtuale che, tra i vari servizi, offre la possibilità di ottenere notizie e informazioni sulla struttura a cui si è interessati tramite un’autenticazione.

Assunzioni

La nascita di nuove aziende all’interno del nostro circuito, la linfa finanziaria ricevuta e la veloce crescita di alcuni progetti, ci hanno dato la possibilità di ampliare anche il nostro organico.

Ci siamo dedicati allo scouting di nuove figure professionali e nelle ultime settimane abbiamo finalizzato diverse assunzioni.

Questo è un altro aspetto che mi rende particolarmente soddisfatto ed orgoglioso. Crescere e raggiungere obiettivi si riflette sul territorio positivamente, generando lavoro e offrendo occasioni soprattutto a ragazzi giovani del Sud.

Nelle situazioni difficili, riesco a dare il meglio

Non immaginavo che avrei concluso quest’anno con tanta soddisfazione. Nonostante sia sempre stato, fin da ragazzino, predisposto a tirare il meglio da situazioni difficili.

In un momento di crisi ho scelto per esempio di investire in Keelt con una nuova sede e anche in Insem, la mia primogenita.

Ho fatto un grande lavoro, senza fermarmi un attimo e proprio nel 2020,  a differenza di altri anni in cui non sempre le cose giravano come dovevano, sono stato ripagato da tutti i punti di vista: clienti, finanza, nuove aziende, crescita!

Sul piano del business sono felice di aver fatto cose importanti e aver avuto quella energia che mi ha fatto andare anche oltre i limiti che ci eravamo dati.

Un anno che ricorderò come il più assurdo della mia vita. I limiti e le paure del momento storico mi hanno esaltato particolarmente, mi piace riuscire a tirare fuori la soluzione giusta per svoltare ed evitare il burrone.

Quando raggiungo degli obiettivi sono solito pormene subito dei nuovi, senza neanche godermi troppo la gioia del traguardo. Ma ora voglio concentrarmi e rendere solido tutto quello che ho creato.

Mi aspetta e ci aspetta tantissimo lavoro nei prossimi 5 anni.

Siamo pronti per cominciare il 2021.





Shares