Menu Chiudi

Da azienda tradizionale a business scalabile: la mia avventura in MyBnB

MyBnb affitti brevi

La chiave per trasformare una buona idea in un’ottima idea? La digitalizzazione. Con l’automazione di alcuni processi, puoi trasformare una “semplice” azienda di consulenza in un business scalabile.

In questo post ti parlo del mio ultimo investimento e di quale strategia ho consigliato ai founder di adottare per tirare fuori il meglio da una buona idea.

Da un’azienda di consulenza a un business scalabile

Christopher Holter è un ragazzo americano che lavora come freelance presso una delle mie aziende, Insem. Durante una pausa caffè mi parla di un progetto parallelo che sta realizzando: una startup di nome MyBnb.

L’idea alla base mi sembra subito molto interessante: una piattaforma che aiuta gli affittacamere (o meglio “host”) a gestire in modo professionale i loro appartamenti e aumentare i loro guadagni.

Incuriosito chiedo a Chris di presentarmi il team di lavoro e studio il settore che ha numeri straordinari. Secondo un’indagine basata su dati Istat le case vacanza rappresentano in Italia la metà dell’offerta turistica totale (il 52%). Inoltre, tra il 2008 e il 2017 il numero di appartamenti per le locazioni brevi è cresciuto del 58%, da 68120 a 107366, con Campania, Basilicata e Lombardia in testa.

Tuttavia, non bastano una buona idea, un buon team e un mercato con grandi numeri per sfondare: dopo circa un anno, la startup fatturava ancora poche migliaia di euro, malgrado il gran lavoro e l’impegno della squadra.

Insieme a Chris decido di fare una valutazione del modello di business per capire quale è l’ostacolo che impedisce alla startup di fare il grande salto.

Chi non digitalizza ha poca strada da percorrere

digitalizzazione

Designed by Creativeart

A mio parere nonostante le competenze e conoscenze di Chris e del suo team, si stavano incanalando verso una gestione dell’azienda secondo un vision troppo tradizionale. Il loro business era sbilanciato: assomigliava troppo un’agenzia immobiliare, con un approccio troppo consulenziale:

  • Appuntamenti e trattative lunghe
  • Un approccio anche a clienti non in target

Tenendo conto di questi elementi, gli ho proposto quello che secondo me poteva essere il vero modello di business : creare una piattaforma nella quale mettere in contatto gli host con una serie di servizi connaturati al business (dalla gestione del check in e del check out, a un’attività di consulenza sui social media, fino a servizi di pulizia), eliminando al più possibile gli intermediari.

Nel mio lavoro con loro, non ho fatto altro che organizzare meglio quello che loro auspicavano già di fare: la sinergia tra di noi è stata perfetta e la sintonia immediata .

Dai nostri confronti abbiamo delineato una strada verso la graduale digitalizzazione dell’azienda, che le avrebbe permesso di scalare in altre regioni e di fatturare numeri più importanti.

La corsa ai finanziamenti

Chris e gli altri founder hanno avuto fiducia nella mia idea: oggi sono socio dell’azienda e mi occupo di reperire nuovi finanziamenti, con l’appoggio della mia società di consulenza, Elteide (ne parla qui Startupitalia!).

Per me è una bella scommessa: la strada che l’azienda percorrerà dipenderà da tanti fattori e sarò contento di condividerla con voi nei prossimi mesi.

Quello che è certo, è che molte grandi idee finirebbero nel dimenticatoio senza un approccio molto spinto in digital, unica strada possibile oggi per scalare in un mercato complesso e iper competitivo.

Vuoi scoprire Elteide e i servizi che offre? Collegati su https://www.elteide.it/





Shares