Menu Chiudi

Startup: come costruire una digital strategy d’impatto

Una coperta sempre troppo corta. È questa la sensazione che molti startupper avvertono durante la loro esperienza imprenditoriale. Le risorse, economiche e umane, sono sempre limitate quando si avvia un progetto innovativo e  bisogna essere bravi a giocarsi le poche carte che si hanno in mano.

Come consulente e investitore ho gestito la strategia di marketing digitale di diverse startup. L’ultima della quale mi sto occupando è Wordlz, qui racconto la sua storia.

In questo post voglio illustrarti che percorso seguo, quali sono i punti su cui sto battendo, e in generale come si costruisce, a mio avviso, la digital strategy di una startup.

Due obiettivi da raggiungere con la tua strategia

L’errore più grave che da startupper puoi commettere quando crei una strategia digitale è quello di disperdere le energie tra una miriade di attività, perdendo quello che è il focus delle tue azioni di marketing.

Specie all’inizio, dovrai lavorare tantissimo sulla parte brand, far conoscere la tua storia, cosa si nasconde dietro al progetto, qual è la mission. Con uno storytelling efficace potrai attrarre i due target che ti interessano:

  1.   Gli investitori, che non saranno attratti subito dalle tue metriche, dato che con molta probabilità non ne avrai molte da mostrare in una prima fase di lancio.
  2.   Gli utenti finali, che possono essere incuriositi dalla tua storia. La userai per catturare la loro curiosità e spiegare poi i vantaggi che offri loro.

Quella della curiosità è la prima molla che devi essere bravo a far scattare. Dopodiché dovrai lanciare messaggi relativi al tuo prodotto/servizio. Cosa offri, quali sono gli sconti, i vantaggi che hai, perché dovrebbero sceglierti. In altre parole, dovrai focalizzarti su quello che è il tuo vantaggio competitivo e trovare modi sempre originali per comunicarlo.

Digital marketing strategy: 5 azioni da compiere

Una volta definiti i tuoi obiettivi, dovrai poi compiere una serie di azioni. Ti elenco quali sono le principali:

  1.  Costruire le buyer personas. In altre parole, dovrai definire bene qual è tuo pubblico ideale, e tracciare poi un suo identikit. Per farlo, usa dati oggettivi, come quelli che potrai ottenere dalle prime vendite, richieste di assistenza, commenti e opinioni sui profili social.
  2. Studiare i concorrenti. Ti sarà molto utile capire come si muovono i tuoi competitor nel marketing e analizzare i punti di forza, ma anche di debolezza della loro strategia.
  3.  Realizzare il piano editoriale. Qui dovrai fare attenzione che tutti i contenuti rispettino gli obiettivi che ti sei prefisso con la tua strategia.
  4.  Progettare le attività di lead generation. Come intendi convertire i tuoi utenti in potenziali clienti? Per capirlo dovrai individuare i canali a te più consoni: produzione di contenuti di qualità, utilizzo di social media e blog, email marketing, pubblicità a pagamento, eventi?
  5.  Misurare tutte le tue attività. La misurazione dei dati delle tue attività è necessaria per ottimizzare le risorse e metterti sulla buona strada.

Fatto un budget di 100 come spenderlo?

Come dicevamo all’inizio, “la coperta è sempre troppo corta” e dato un budget di 100, dovrai essere in grado di spenderlo nel migliore dei modi. Qual è secondo me il modo giusto per spenderlo? Di solito consiglio di destinare il 40% a tutta la progettazione del sito. Il budget alto è giustificato dal fatto che, oltre al sito, dovrai inserire tutti quegli applicativi che ti consentono di capire come si muove l’utente all’interno, analizzare le sue azioni e i punti in cui hai bisogno di porre dei correttivi.

Per avere poi un’analisi giusta di quello che succede devi generare traffico, quindi un altro 30% va a copertura delle attività di social media marketing, sui canali principali (almeno LinkedIn e Facebook).

Con la parte restante puoi investire sia in eventi offline, oppure in campagne su Adwords, per aumentare il traffico e avere più dati da analizzare.

Ci sono altri punti di una digital strategy di una startup che vuoi approfondire? Suggeriscimeli e scriverò un post per aiutarti.





Shares